|| Treni ||

3053810-poster-p-1-5-essential-criteria-for-choosing-a-startup-advisorCredi alle occasioni?

Quelle che ti accadono solo una volta ogni decade. Quelle che puoi solo decidere di prendere o lasciare. Nessun forse. O si o no. Quelle che ti costringono a prendere una decisione e sta certo che l’80% di queste porta la tua vita ad un cambiamento. Uno bello grosso, anche traumatico.

Tu ci credi ? Io si. Adesso eccome se ci credo.

Dopo mesi passati a lagnarmi del mio cattivo comportamento, del mio umore di merda e della mia vita da schifo, tutto è cambiato nel giro di un attimo ed è stato fantastico. Come l‘arcobaleno dopo una tempesta. Come l’alba dopo un’attesa illegale. Come quando torni a casa dopo una giornata di merda e mamma ti fa trovare un pacchetto di Raffaello nel mobile dei libri. Una sensazione di benessere, dopo sei consapevole che passerai la giornata intera in bagno soffrendo i borbottii di uno stomaco sottosopra, ma cazzo quanto stai bene !

Ecco cosa ho provato. Mi sono sentita felice.

E conseguenza al mio nuovo umore, ho iniziato ad apprezzare tutto ciò che mi stava intorno. Volevo che il mondo intero sapesse che stavo crescendo per il meglio e che stavo diventato una me un pò più giusta. Non più quella solita noiosa vecchiaccia vedova giocatrice incallita di Bingo. Solo Chiara.

Ma sapevo che era più di una semplice sensazione di pace. Ogni giovamento è impedimento per qualcos’altro : ottieni qualcosa ma c’è sempre qualcosa che devi perdere. E’ così che la vita si rende giusta, ed io avrei dovuto capirlo.

E quindi siamo all’apice del mio articolo : la mia occasione è alle porte.

Oh, now look at me and this opportunity,
Is standing right in front of me.
But one thing I know
It’s only part luck and so
I’m putting on my best show.
Under the spotlight I’m starting my life
Big dreams becoming real tonight
So look at me and this opportunity
You’re witnessing my moment, you see?

fancy-red-old-train-on-a-bridgeDicono che le occasioni sono come treni. Vengono e vanno e se vengono lo fanno per sempre, e se vanno, vanno via per sempre. Ci vuole del tempo prima che treni come questo vengano, ma quando accade bisogna che tu sia pronto. Bisogna che abbia la testa piena di certezze e che sappia esattamente cosa fare : se aspettare per il prossimo o saltare proprio su quello che ti si presenta di fronte.

Eccomi qui, aspettando per un treno che so sia diretto a me. Un treno pieno di tasselli utili a costruirmi una nuova vita, magari migliore. E’ uno di quelli sui quali tutti vorrebbero salire, anzi credo che pagherebbero oro pur di salirci. Eppure io no. E’ tutto perfetto, senza la percezione di una qualche imperfezione ed io vedo l’imperfezione anche nella sua perfezione.

Quella vecchia zitella che ero vi ci sarebbe salita senza obiezioni nè ripensamenti; perchè quella vecchia brutta zitella era triste, frustrata, incazzata, stanca e oppressa da una forza che non riusciva ad evitare. Elderly_Woman_,_B&W_image_by_Chalmers_Butterfield

Quella vecchia zotica aveva bisogno di una bella botta di vita. Ed era così tanto ossessionata all’idea che ci fosse una qualche possibilità di cambiare corso che non riusciva a rendersi conto di quanto tempo e anni stesse sprecando.

Lei ci sarebbe salita subito, felice di aver finalmente ritirato il premio della sua attesa suicida.

Ma il fatto è che non sono più quella vecchia e zotica vecchiaccia, ho cambiato strada. E non lo voglio questo treno, almeno non ora che ho trovato il mio senso nel mondo. Ho imparato a vivere quel che posso e ad apprezzare quello che già ho.

A partire da una bella discussione con mia madre.

O un abbraccio con mio fratello maggiore. Un caffè al bar con papà. Un litigio con le ragazze. Una risata con Gè. Un pomeriggio freddo dell’inverno inoltrato passato a leggere avvolta da quel pile rosa confetto che zia Paola mi ha regalato due natali fa. Una serata estiva suonando e canticchiando rime con lo Uke. Una corsa al parco con Olivia. Un racconto di mia nonna offuscato dal tempo. Un abbraccio di gruppo con i miei cugini. E ora anche un bacio, quello del puro e delicato amore di Lui.

E so che così è la vita. Che devo lasciare tutte queste belle cose per saltare e crearmene di nuove. Dovrei quindi imparare ad essere cinica, egoista e perchè no fredda come una pietra, audace e coraggiosa. Dovrei prendere tutto ciò che ho vissuto come bagaglio per scegliere con cautela e vivere con destrezza.

E dovrei continuare a mantenermi salda alle uniche certezze che esistono. Solo allora sarò capace di lasciarmi tutto alle spalle e iniziare il nuovo di una vita diversa, forse migliore.

Ma se non volessi lasciarmi tutto alle spalle, se trovassi un compromesso ? Ci sarebbe ancora la necessità di dover prendere quel treno ?

Miss Misunderstood.

PS Ma pò vorrei dire : sti treni non sono mai venuti in orario, perchè proprio mo doveva essere preciso ? Trenitalia già mi stai sulle palle oì !

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...